Italiahomestay presenta: Otranto e la sua storia!

Italiahomestay, dopo una piacevole gita svolta il 6 Settembre 2012, è lieta di presentare ai suoi amici lettori un breve excursus storico, accompagnato da bellissime foto su una bellissima cittadina del Salento: Otranto.

Conosciuta come punta più a Oriente dell’italia, qui il Mar Ionio e il mar Adriatico si separano, è attraversata dal ruscello Idro che sfocia nel suo favoloso porto. Le attività mercantili e artigianali già fiorirono nel periodo romano, sopratutto grazie alla presenza di una comunità ebraica, tanto da far divenire sempre più importante il suo porto, superando quello di Brindisi. E proprio il suo porto la fece accrescere di importanza durante il Medioevo, facendola divenire ponte tra Oriente e Occidente. Nella sua cattedrale, nel 1095 ci fu la benedizione ai dodicimila Crociati che. al comando del Principe Boemondo I d’ Altavilla, partivano per liberare e proteggere il Santo Sepolcro. Proprio San Francesco d’ Assisi, nel 1219, era approdato a Otranto dal ritorno dalla Terra Santa e fu accolto con grandi onori.

Nel 1480 arrivarono i Turchi, facendo strage della popolazione, celebrata come i Martiri idruntini. Inoltre, i Turchi devastarono il Monastero di San Nicola di Casole, dove c’era la biblioteca più importante d’ Europa, che faceva arrivare studenti da tutta l’ Europa. Pantaleone, autore del monumentale mosaico nella cattedrale.

Otranto ebbe una fase di calo nel 1600, per poi riprendersi nel 1700, fin quando nel 1800 circa ci fu la bonifica della campagna dei Laghi Alimini, altrimenti infetta da malaria.

Nel 1900 si vedono aumentare fenomeni emigratori verso l’estero, per la ricerca di posti di lavori da un lato e fino ai giorni nostri dall’altro assistiamo a sbarchi di profughi che fuggono dalla loro terra.

Il sud. Terra di popoli…terra di partenze e di arrivi…terra dei mari…dei venti… di torri, grotte, re danzanti…terra di passaggio, di accoglienza e di emigrazione. Questa è la mia terra…e c’è tanto da scrivere. Questo è il mio Sud…il Salento!


Italiahomestay, after a pleasant trip taken place in September the 6th, 2012, is pleased to present to his friends readers a brief historical overview, accompanied by beautiful photos of a beautiful town of Salento: Otranto.

Known as the Eastern most tip of Italy, where the Ionian Sea and the Adriatic Sea are separated, it is crossed by the  Hydro stream that feeds into the fabulous harbor. The merchant and craft activities already flourished in the Roman period, especially due to the presence of a Jewish community, so as to become more and more important its port, surpassing that of Brindisi. And its harbor made ​​the increase in importance during the Middle Ages, making it become a bridge between East and West. In his cathedral, in the 1095 there was a blessing to the twelve thousand Crusaders. The command of Prince Bohemond I d ‘Altavilla, set off to rescue and protect the Holy Sepulcher. Just San Francesco d ‘Assisi, in the 1219, had landed in Otranto by the return from the Holy Land, and he was received with great honor.

In the 1480 Turks came, slaughtering the population that is celebrated as Martyrs idruntini. Moreover, the Turks devastated the Monastery of San Nicola di Casole, where there was the most important library in Europe, which was to get students from all over Europe. Pantaleon, author of the monumental mosaic in the cathedral.

Otranto had a period of decline in the 1600, recovering in the 1700 until, in the 1800s, there was the reclamation of the Lakes Alimini campaign, infected with malaria.

In the 1900s, on the one hand, we see an emigration phenomena increase to other countries, to search for jobs , and on the other hand we see refugees fleeing their homeland.

The south. Land of the people … the land of departures and arrivals … land of the seas … the wind … the towers, caves, dancing king … a land of passage, host and emigration. This is my land … and there is so much to write. This is my … South Salento!

da italiahomestay, Villa Castelli (Brindisi), Puglia (Italia)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...